Hanami 2020 all’Orto Botanico di Roma – I ciliegi giapponesi

  

🇮🇹 Le varietà di ciliegio utilizzate per scopo ornamentale da più di 1500 anni in Giappone sono assai numerose e presentano caratteristiche assai diverse per quanto riguarda le forme e i colori di fiori e foglie, i periodi di fioritura, le dimensioni, etc. Vi siete mai chiesti a cosa si debba tale straordinaria diversità? Principalmente a due fattori: il primo è la notevole plasticità dei ciliegi selvatici del Giappone, ossia la loro intrinseca capacità di sviluppare morfologie assai varie. Il secondo fattore è l’uomo, che ha compreso tali possibilità e le ha sfruttate per ottenere decine di varietà e ibridi a partire da ciliegi selvatici quali lo Jamasakura – Prunus serrulata var. spontanea (Maxim.) E.H.Wilson – e il ciliegio di Oshima – Prunus speciosa (Koidz.) Nakai , entrambi caratterizzati da fiori di piccole dimensioni a 5 petali di colore rosa pallido – bianco e da frutti di piccole dimensioni, privi di pregio alimentare

🇬🇧 There are many cherry varieties grown for ornamental purposes for more than 1500 years in Japan. They show different features as regards the shapes and colors of flowers and leaves, flowering times, sizes, etc. What is the reason for this incredible diversity? We must consider mainy two factors: the first is the remarkable plasticity of the wild cherry trees of Japan, i.e. their intrinsic ability to develop different morphologies. The second factor is man, who understood these possibilities and used them to obtain dozens of varieties and hybrids starting from wild cherry trees such as Jamasakura (Prunus serrulata var. spontanea) and Oshima cherry (Prunus speciosa), both characterized by small flowers with 5 petals of pale pink – white color and by small fruits, without food value

Dietro di me
sbocciano….fiori di ciliegio!
Fiori di cliegio!

Kobayashi Issa