Orto Botanico dell’Università di ModenaOrto Botanico dell’Università di Modena

  • Viale Caduti in Guerra, 127 - 41121 Modena
    Centralino e informazioni/prenotazioni visite guidate:
    tel: +39 059 2056011 - fax: +39 059 2056005
    email: ortobot@unimore.it - web: www.ortobot.unimo.it/
  • RESPONSABILI D.ssa Giovanna Barbieri (Informazioni/prenotazioni visite guidate)
    Dott. Daniele Dallai (Attività istituzionali)
  • ORARI 1 Aprile - 31 Luglio e 1 - 30 Settembre, dal lunedì al venerdì con orario 9 -13. Per visite libere individuali, compatibilmente con le esigenze di servizio, sarà consentito l’accesso all’Orto - su specifica richiesta - anche al di fuori dell’orario di apertura al pubblico. Non è consentito, tuttavia, l’accesso ai minori di anni 12, se non accompagnati da persone adulte.
  • INGRESSO gratuito
  • BOOKSHOP
  • SUPERFICIE L’Orto Botanico di Modena ha un'estensione di circa 1 ettaro e dispone di 300 metri quadri di superficie coperta per il ricovero e l'ostensione delle piante.
  • VISITE GUIDATE Su appuntamento previo contatto telefonico.
  • INDEX SEMINUM

Cenni storici

Dall’antico “Giardino dei Semplici” all’Orto Botanico universitario attuale
L’Orto Botanico dell’Università di Modena fu fondato nel 1758, per volontà del Duca Francesco III d’Este, che destinò una parte del giardino di corte alla coltivazione e alla dimostrazione delle piante medicinali. Nello stesso anno, fu sancito l’inizio della “nuova Lettura di Medicina per la parte Botanica” e il medico Gaetano Rossi fu incaricato delle lezioni. Nel 1765 si stabilì una Cattedra Pubblica di Botanica a vantaggio della “Facoltà Medica e dell’Arte Aromataria”, stabilendo un compenso annuo di 24 zecchini gigliati al Dottor Rossi ed ai suoi successori. Nel 1772, con la Riforma Universitaria voluta da Francesco III, l’Orto Botanico entrò sotto la giurisdizione dell’Università. Su disegno dell’architetto Giuseppe Maria Soli, furono “determinate le aiuole destinate alla coltivazione delle piante officinali”, disposte a raggiera intorno ad una vasca centrale, che doveva servire per l’irrigazione e per ospitare la flora acquatica.

Struttura e organizzazione

L’Orto Botanico Universitario è localizzato nell’area del centro storico della città di Modena.
I principali settori espositivi sono:
1) le Serre Ducali ottocentesche, con la loro classica architettura “ad aranciera”: furono concepite, secondo i principi del collezionismo dell’epoca, per ospitare un numero elevato di piante in vaso durante i mesi invernali;
2) la Serra delle Piante Succulente, costruita verso la metà degli anni ’80: è una serra polifunzionale la cui parte principale è dedicata alla coltivazione delle piante succulente;
3) la “Serretta” a clima caldo/umido, inaugurata nel 1994, che permette la coltivazione di piante carnivore, orchidacee, felci, ecc.;
4) l’antico Parterre – Scuola, oggi più comunemente denominato “Sistema”: è costituito da una serie di aiuole che si sviluppano radialmente intorno ad una vasca centrale (Idrofitorio);
5) l’Arboreto, in cui trovano spazio circa 700 esemplari arborei e arbustivi, alcuni dei quali ultracentenari, appartenenti ad oltre 200 specie, autoctone ed esotiche.
Le piante coltivate presso l’Orto – sia erbacee che legnose – nell’insieme forniscono un’esauriente rappresentazione della biodiversità del regno vegetale. In relazione alle diverse esigenze fisio-ecologiche ed alla variabile capacità di adattamento alle condizioni ambientali, una parte di queste piante è allevata in vaso, ed è ricoverata nella stagione avversa in ambienti idonei, anche riscaldati, mentre le rimanenti sono piantate a dimora, all’aperto o all’interno di locali protetti, dove contribuiscono anche alla realizzazione di ambientazioni esemplificative di habitat particolarmente significativi.

Le principali collezioni

L’Orto Botanico di Modena possiede collezioni vegetali viventi e non viventi, come comunemente avviene in diversi Orti ed Istituti Botanici di ogni paese. Le collezioni viventi sono collocate nelle Serre Ducali, nelle serra delle piante succulente, nella Serretta, nel Sistema e nell'Arboreto; inoltre da alcuni anni è presente una piccola ma importante collezione di plantule in vitro conservate presso il Laboratorio di Micropropagazione.

Le collezioni delle Serre Ducali comprendono una grande varietà di specie botaniche esotiche, differenziate in termini di provenienza e di adattamenti all'ambiente (nell’ala a sinistra dell’edificio è ubicata la “Serra calda, mentre la “Serra fredda” (non riscaldata) si trova sul lato destro).  La Serra calda ospita esemplari di Cyperus (C. papyrus e C. alternifolius), Monstera deliciosa, Ficus benjamina, Ficus nervosa e numerose piante acquatiche: Pistia stratioides, Eichornia crassipes, Lemna minor, Salvinia natans e Azolla caroliniana.

La Serra delle Piante Succulente ospita, nella sua parte principale, ambientazioni esemplificative di ambienti subdesertici illustrando i fenomeni della “succulenza”. L’aiuola centrale ospita esemplari ragguardevoli di Echinocactus grusonii,  Euphorbia resinifera,  oltre a varie specie di Gasteria e Aloe, che insieme ad altri taxa illustrano esempi di succulenza caulinare, fogliare e caudiciforme. Il fenomeno della convergenza evolutiva è meglio illustrato nelle aiuole laterali, dove si possono osservare le morfosi comuni di esemplari appartenenti a famiglie diverse, caratterizzate da distinte linee evolutive ed areali d’origine.

Le aiuole della serretta ospitano Bromeliaceae, Liliaceae, felci esotiche, tillantsie, cactacee epifite con alcuni esemplari del gen. Rhipsalis e, tra i rampicanti, il pepe (Piper nigrum). Sono presenti, in vaso, alcune piante carnivore (Nepenthes sp. e Dionaea muscipula).

Le specie botaniche presenti oggi nel Sistema appartengono in buona percentuale alla flora europea. Queste collezioni vengono arricchite prevalentemente da raccolte in natura e attraverso gli scambi di materiale di propagazione con altre istituzioni, italiane ed estere. L’organizzazione tradizionale ad aiuole consente di raccogliere e mettere a confronto in poco spazio specie erbacee ed arbustive, annuali e perenni, appartenenti a diverse Famiglie botaniche.

Le collezioni storiche di vegetali non viventi (in gran parte collegate tra loro) sono l’Erbario, la Carpoteca e la Xiloteca; inoltre da circa trent’anni il Laboratorio di Palinologia e Paleobotanica possiede ed incrementa tre collezioni di confronto: palinoteca, carpoteca e xilo-antracoteca.

L’erbario comprende decine di migliaia di campioni di piante a fiore, felci, muschi, funghi, alghe, licheni, raccolti in natura o provenienti da acquisti e scambi con altre Istituzioni italiane ed estere. L’erbario lichenologico di Francesco Baglietto (1826–1916) è considerato uno dei più importanti (o forse il più importante) erbario lichenologico storico a livello italiano ed europeo.

La Carpoteca è costituita da un migliaio di campioni vegetali di vario genere, conservati in parte all’interno di vasetti/vasi di vetro sigillati, allo stato secco oppure mediante liquido conservante (generalmente alcool), e in parte allo stato libero. Si tratta prevalentemente di semi, frutti e altre strutture riproduttive, ma anche di fusti aerei, rizomi, tuberi, bulbi, radici, foglie, galle, resine e altri essudati vegetali (gomma, manna, incenso ecc…), funghi, spore o altro.

La Xiloteca Storica è costituita da circa 350 campioni di legni che provengono da specie arboree coltivate in loco o acquisite da altre Istituzioni, attraverso le attività di scambio.L’Orto Botanico di Modena possiede collezioni vegetali viventi e non viventi, come comunemente avviene in diversi Orti ed Istituti Botanici di ogni paese. Le collezioni viventi sono collocate nelle Serre Ducali, nelle serra delle piante succulente, nella Serretta, nel Sistema e nell'Arboreto; inoltre da alcuni anni è presente una piccola ma importante collezione di plantule in vitro conservate presso il Laboratorio di Micropropagazione.

Le collezioni delle Serre Ducali comprendono una grande varietà di specie botaniche esotiche, differenziate in termini di provenienza e di adattamenti all'ambiente (nell’ala a sinistra dell’edificio è ubicata la “Serra calda, mentre la “Serra fredda” (non riscaldata) si trova sul lato destro).  La Serra calda ospita esemplari di Cyperus (C. papyrus e C. alternifolius), Monstera deliciosa, Ficus benjamina, Ficus nervosa e numerose piante acquatiche: Pistia stratioides, Eichornia crassipes, Lemna minor, Salvinia natans e Azolla caroliniana.

La Serra delle Piante Succulente ospita, nella sua parte principale, ambientazioni esemplificative di ambienti subdesertici illustrando i fenomeni della “succulenza”. L’aiuola centrale ospita esemplari ragguardevoli di Echinocactus grusonii,  Euphorbia resinifera,  oltre a varie specie di Gasteria e Aloe, che insieme ad altri taxa illustrano esempi di succulenza caulinare, fogliare e caudiciforme. Il fenomeno della convergenza evolutiva è meglio illustrato nelle aiuole laterali, dove si possono osservare le morfosi comuni di esemplari appartenenti a famiglie diverse, caratterizzate da distinte linee evolutive ed areali d’origine.

Le aiuole della serretta ospitano Bromeliaceae, Liliaceae, felci esotiche, tillantsie, cactacee epifite con alcuni esemplari del gen. Rhipsalis e, tra i rampicanti, il pepe (Piper nigrum). Sono presenti, in vaso, alcune piante carnivore (Nepenthes sp. e Dionaea muscipula).

Le specie botaniche presenti oggi nel Sistema appartengono in buona percentuale alla flora europea. Queste collezioni vengono arricchite prevalentemente da raccolte in natura e attraverso gli scambi di materiale di propagazione con altre istituzioni, italiane ed estere. L’organizzazione tradizionale ad aiuole consente di raccogliere e mettere a confronto in poco spazio specie erbacee ed arbustive, annuali e perenni, appartenenti a diverse Famiglie botaniche.

Le collezioni storiche di vegetali non viventi (in gran parte collegate tra loro) sono l’Erbario, la Carpoteca e la Xiloteca; inoltre da circa trent’anni il Laboratorio di Palinologia e Paleobotanica possiede ed incrementa tre collezioni di confronto: palinoteca, carpoteca e xilo-antracoteca.

L’erbario comprende decine di migliaia di campioni di piante a fiore, felci, muschi, funghi, alghe, licheni, raccolti in natura o provenienti da acquisti e scambi con altre Istituzioni italiane ed estere. L’erbario lichenologico di Francesco Baglietto (1826–1916) è considerato uno dei più importanti (o forse il più importante) erbario lichenologico storico a livello italiano ed europeo.

La Carpoteca è costituita da un migliaio di campioni vegetali di vario genere, conservati in parte all’interno di vasetti/vasi di vetro sigillati, allo stato secco oppure mediante liquido conservante (generalmente alcool), e in parte allo stato libero. Si tratta prevalentemente di semi, frutti e altre strutture riproduttive, ma anche di fusti aerei, rizomi, tuberi, bulbi, radici, foglie, galle, resine e altri essudati vegetali (gomma, manna, incenso ecc…), funghi, spore o altro.

La Xiloteca Storica è costituita da circa 350 campioni di legni che provengono da specie arboree coltivate in loco o acquisite da altre Istituzioni, attraverso le attività di scambio.

Attività e progetti

Le principali attività che si svolgono all’interno dell’Orto Botanico di Modena sono intimamente legate all’espletamento della didattica e ricerca universitaria focalizzata sulle discipline botaniche.
Alla luce delle esigenze di conservare, classificare, valutare, promuovere l’utilizzo sostenibile del nostro patrimonio fitogenetico, l’Orto Botanico è impegnato in programmi di conservazione in situ/ex situ (in natura e in coltivazione) di specie e/o popolazioni in pericolo di estinzione.
Inoltre, l’Orto Botanico è anche sede e organo promotore di numerose attività di carattere didattico, divulgativo e promozionale su tematiche in vario modo legate alla botanica ed alle piante, rivolte sia alle scuole che ad un pubblico eterogeneo di appassionati o semplici curiosi.

Bibliografia

 

Dallai D., 2008 – Orto Botanico Universitario Estense di Modena. In: Russo A., Corradini E. (a cura) “Musei Universitari Modenesi”. Ed. Moderna, Bologna (ISBN 978-88-8863-214-8): 93 -122.

Dallai D., 2010 – L’Orto Botanico Universitario di Modena. In: AA.VV. “Flora del Modenese. Censimento Analisi Tutela.” Provincia di Modena, Istituto Beni Culturali della Regione Emilia Romagna: 22 -26.

Dallai D., Buldrini F. , 2010 – L’Orto Botanico di Modena. Natural1, 96 (Anno X), pp. 38-46.

Attività di conservazione ex situ/in situ – riferimenti bibliografici (ultimi 10 anni)

Sgarbi E., Del Prete C., Ronconi L., Dallai D., Perini C. (2001). Wild Italian Orchids: from seed to plant experience in a project for in situ reintroduction and ex situ conservation. Planta Europa Conference III, 23-28 June, Pruhonice, Czech Republic.

Sgarbi E., Del Prete C., Ronconi L., Dallai D., 2001 – Asymbiotic micropropagation of wild Italian Orchids from seed to plant in a project for in situ reintroduction. Journ. Europ. Orch. 33 (1): 395-404.

Del Prete C., Perini C., Bedini G., Dallai D,. 2001 A common Catologue of living collections in Italian Botanica Gardens. Leafl 2° Eur. Bot. Gard. Congr.(°)

Generali C., Dallai D., Del Prete C 2002 – Valli di Mortizzuolo – Comune di Mirandola (MO). Flora, vegetazione e prospettive di utilizzo a fini conservazionistici. Abstr. 97° Congr. S.B.I. (Lecce, 24 – 27 settembre 2002): 123.

Bonafede F., Dallai D., Del Prete C., Maffettone L., 2003 – Marsilea quadrifolia L. in Emilia Romagna: distribuzione, ecologia e problematiche di conservazione integrata in situ/ex situ Atti Soc. Nat. Mat. Modena, 133 (2002): 183-211.

Del Prete C., Dallai D., Maffettone L.& Sgarbi E. 2004: The University Botanic Garden of Modena: practices in plants conservation and environmental management. 2nd World Botanic Garden Congress, 17-22 aprile, Barcellona, Spagna.  (Invited  Speakers). http://www.bcn.es/medciencies/botanicgardens2004/abstracts/llistats/llistat_autors.htm

Del Prete C., Dallai D., Sgarbi E., Maffettone L. (2004). The University Botanic Garden of Modena: strategies in plant conservation and habitat management. International Symposium “Conceptions and methods of nature conservation in Europe. 16-19 settembre, Cluj-Napoca, Romania, pp. 29-30.

Del Prete C., Dallai D., 2004 – The Italian Network for Botanic Gardens; activities, proposals and perspectives for a Mediterranean strategy in plant science and conservation. Abstr. XI O.P.T.I.M.A Meeting Beograd 5-11 settembre Relazione di Invited  Speakers (°)

Sgarbi E., Dallai D., Del Prete C., 2004 – Propagazione in vivo e in vitro di Viola pumila Chaix in un programma per la sua conservazione nel territorio emiliano. Abstr. 99° Congresso nazionale Società Botanica Italiana (Torino, 22 – 24 settembre 2004): 179 (°).

Sgarbi E., Dallai D., Del Prete C., Maffettone L., Perini C., Salerni E., Cozzolino S., Delfine S. (2004). Orchids from seed: an integrated project to increase populations of endangered Orchidaceae in Italy applying Global Strategy for Plant Conservation. Abstracts 2nd World Botanic Garden Congress, 17-22 aprile, Barcellona, Spagna.  On line: http://www.bcn.es/medciencies/botanicgardens2004/abstracts/llistats/llistat_posters_autors.htm

Dallai D., Sgarbi E., 2005 – Un’esperienza di conservazione in situ/ex situ dell’Orto Botanico di Modena: Viola pumila Chaix nel territorio emiliano. Atti Soc. Nat. Mat. Modena, 135 (2004): 93 –108.

Castaldini D., Valdati J. & Ilies D.C. con la collaborazione di    Bertogna I., Barozzini E., Chiriac C., Gorgoni C., Dallai D., Del Prete C. & Sala L. (2005) – La Carta Turistico Ambientale della Riserva Naturale delle Salse di Nirano (Appennino Modenese). In  Adamo F. (a cura di) – Problemi  e poltiche del  Turismo. Contributi  alle Giornate del Turismo 2003-2004,  Patron Ed., Bologna,  391 – 410.

Del Prete C., Dallai D., Sgarbi E. & Maffettone L., 2006 –The University Botanic Garden of Modena: strategies in plant conservation and habitat management . In Gafta D. & Akeroyd J. (Eds.) “Nature Conservation. Concepts and Practice. Springer: 369 – 379

Salerni E., Perini C., Pecoraro L., Angiolini C., Frignani F., Landi M., De Dominicis V., Del Prete C., Sgarbi E., Dallai D., Maffettone L., Perotto S., Cozzolino S., Delfine S. (2006). Ecological survey of photosynthetic spontaneous Orchids for their conservation: integrated study of plant/fungus relationship. Plant, Fungal and Habitats Diversity investigation and conservation. 4th Balkan Botanical Congress, 20-26 June Sophia, Bulgaria: 256.

Dallai D., Fanti E., Tonelli F., Del Prete C., 2006 – Un progetto sperimentale per la conservazione della flora idro-igrofila in canali di bonifica della Zona di Bassa Pianura Sinistra Panaro (Modena, Mantova e Ferrara). Riass. 101° Congr. Naz. S.B.I. Caserta, 27 – 29 settembre 2006): 169 (°)

Sgarbi E., Del Prete C., Dallai D., Crudele G., Bottacci A., Grimaudo M., Soliani Stradi M.L., 2007 – Micropropagazione e moltiplicazione di specie rare o fitogeograficamente interessanti delle Riserve Naturali Biogenetiche Casentinesi (Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi – M.te Falterona, Campiglia). Abstr. Studi Botanici Nelle Riserve Naturali Biogenetiche e Integrali (Follonica – Siena – Pratovecchio). Roma, 13 aprile 2007. Ispettorato Generale del Corpo Forestale dello Stato, Via Giosuè Carducci 5, Roma: 10(°).

Sgarbi E., Soliani Stradi M. L., Grimaudo M., Del Prete C., Dallai D. (2007). In vitro treatment to improve the germination response in orophitic boreal species from northern Apennines – national park “Riserve Naturali Casentinesi”. Proceedings of International Conference Acclimatization, global change, gardening and biodiversity conservation. Ventimiglia – Genova (Italy) 8-11 May 2007, p.21.

Dallai D., Del Prete C., Sgarbi E., Grimaudo M. (2007). Integrated in situ/ex situ plant conservation practices managed by University Botanic Garden of Modena. Proceedings of International Conference Acclimatization, global change, gardening and biodiversity conservation. Ventimiglia – Genova (Italy) 8-11 May 2007, p. 32.

Dallai D., Del Prete C., Grimaudo M., Sgarbi E., Crudele G., Bottacci A., Soliani Stradi M.L., 2007 – Azioni di conservazione integrata in situ/ex situ di specie rare o fitogeograficamente interessanti delle Riserve Naturali Biogenetiche Casentinesi (Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi –Monte Falterona –Campigna). Abstr. 102° Congresso S.B.I. (Palermo, 26 – 29 Settembre 2007). Collana Sicilia Foreste ISSN 1972-1641 (suppl.): 220 (*).

Del Prete C., Dallai D., 2007 – Orti botanici: una risorsa per il territorio. Abstr: Convegno Orti Botanici territoriali ed educazione ambientale. Giardino Botanico Comunale di Alessandria, via Monteverde 24 (Alessandria, 8 giugno 2007) (°)

Dallai D., Sgarbi E., Grimaudo M., 2008 – Esperienze di conservazione in situ/ex situ di Senecio paludosus L. nelle Valli di Novellara e Reggiolo (Reggio Emilia) condotte dall’Orto Botanico di Modena.  Abstr. 103° Congr. S.B.I. (Reggio Calabria, 17 -19 settembre 2008). Kalit. editrice, Reggio Calabria (ISBN 978-88-903483-2-7): 297 (*).

Santini C., Dallai D., Gualmini M., Sgarbi E, con il contributo di Fiandri F., Delfini L., Lodesani U, 2009 – La flora del territorio modenese, alla luce delle trasformazioni urbane e agrarie del Novecento. In Bulgarelli V. & Mazzieri C. (a cura) “La città e l’ambiente. Le trasformazioni ambientali e urbane a Modena nel Novecento. Annale dell’Atlante storico ambientale urbano di Modena, Comune di Modena, APM ed., (Carpi – MO): 227 – 243. ISBN 978-88-89109-33-5

Dallai D., Buldrini F., Simoncelli A., Accordi S. (2009) – Problemi di tutela di Trapa natans L. nella Riserva Naturale delle Valli del Mincio (MN). Atti 104° Congr. Società Botanica Italiana (Campobasso, 16-18 settembre 2009), p. 170.

Buldrini F., Dallai D. (2009) – Osservazioni preliminari su stazioni naturali di Viola pumila Chaix, specie rara del territorio emiliano. Atti 104° Congr. Società Botanica Italiana (Campobasso, 16-18 settembre 2009), p. 166.

Del Prete C., Accorsi C.A., Bertellini E., Buldrini F., Crudele G., Dallai D., Landi M., Montecchi M.C., Torri P., Zoccola A. (2009) – Studi sulla flora e vegetazione della Riserva Naturale dell’Isola di Montecristo (Arcipelago Toscano) – Il contingente pteridofitico. Atti 104° Congr. Società Botanica Italiana (Campobasso, 16-18 settembre 2009), p. 220.

Dallai D.,  Del Prete C., Sgarbi E., Grimaudo M., in stampa – Integrated in situ/ex situ plant conservation practices managed by University Botanic Garden of Modena. Bollettino dei Musei e degli Istituti biologici dell’Università di Genova. ISSN 0373-4110.

Buldrini F. (2010) – Le popolazioni di Viola pumila Chaix nella Pianura Padana. In A. Alessandrini, L. Delfini, P. Ferrari, F. Fiandri, M. Gualmini, U. Lodesani, C. Santini, “Flora del Modenese. Censimento, analisi, tutela”. Provincia di Modena, Istituto Beni Culturali della Regione Emilia Romagna, p. 90.

Buldrini F., Dallai D., Lodesani U., Santini C. (2010) – Aspetti floristici. In M. Soldati, V.M. Bruschi, F. Buldrini, G. Campana, P.Coratza, D. Dallai, S. Devoto, U. Lodesani, D. Piacentini, R.Rabacchi, C. Santini, G. Tosatti, A. Vescogni, “Studio multidisciplinare finalizzato alla riqualificazione ambientale della valle del Rio della Rocca (Comune di Castellarano, Provincia di Reggio Emilia)”. Atti Soc. Nat. Mat. Modena, 140, pp.124-129.

Buldrini F., Dallai D. (2010) – Viola pumila Chaix. Scheda di assessment secondo la procedura IUCN. Inf. Bot. It., vol. 42, n. 2, in stampa.

Buldrini F., Dallai D., Conte L., Del Prete C., Ferrari C. (2010) – The Italian populations of Viola pumila Chaix – Their ecological and genetic characterization for an integrated conservation strategy. Verhandlungen der Gesellschaft für Ökologie, 40, p. 139.

Attività didattiche extrauniversitarie – Iniziative per la diffusione della cultura scientifica

ACCORSI C.A., TORRI P., DALLAI D., BARBIERI G., BAREBERINI E., BERTELLINI E., MONTECCHI M.C., BERTONI D. – 2011 Potential of Botanic Gardens to show pollen biodiversity. The Modena project: 1. The pollen flora of the garden. Boll. Mus. Ist. Biol. Univ. Genova, 72 (2010): 43-55

ACCORSI C.A, TORRI P., DALLAI D., BARBIERI G., BERTELLINI E., MONTECCHI M.C., RINALDI R., BERTONI D., BARBERINI E., 2007 – "Polline all’Orto Botanico": un progetto scientifico/didattico/museale all'Orto  di  Modena-Università di Modena e Reggio Emilia. Riassunti 102° congr. Società Botanica Italiana (Palermo, 26-29 Settembre 2007): 341.

ACCORSI C.A, TORRI P., TREVISAN G., DALLAI D., BARBIERI G., BARBERINI E., BERTELLINI E., MONTECCHI M.C., BERTONI D., 2007 – The potential of botanical gardens to show pollen biodiversity – The project in Modena: 1. The pollen flora of the garden. Riassunti International conference Acclimatization, global change, gardening and biodiversity conservation (Ventimiglia – Genova, 8-11 Maggio 227): 20

BARBIERI G., BERTACCHINI M., BOSI G., 2009 – I viaggi delle piante raccontati attraverso le carte. Riassunti 104° congr. Società Botanica Italiana (Campobasso, 16 – 19 settembre 2008): 191.

BARBIERI G., BOSI G., 2010 – Il contributo dell’Orto Botanico di Modena alla mostra “Darwin: Modena e 200 anni di evoluzione”. Riassunti 105° congr. Società Botanica Italiana (Milano, 25 – 28 agosto 2010): 128.

Barbieri G., Bosi G., Bandini Mazzanti  M., 2006 – Itinerari e Laboratori all’Orto Botanico: 4. Piante, polline & C. e Laboratorio polline: due attività per far conoscere il microscopico mondo del polline. Atti Soc.Nat. e Mat. di Modena, 137(2006): 69-76.

BARBIERI G., BOSI G., MAZZANTI M., 2009 – Il supporto degli Orti Botanici alla Didattica della biologia a scuola: l’esperienza dell’Orto Botanico di Modena.  Atti convegno New Trend in Science and Tecnology Education (Modena 21-23 aprile): 99-100

BARBIERI G., BOSI G., MAZZANTI M., 2010 – The support of botanical gardens in school biology teaching methodology: the experience of Modena Botanical Garden.  In: L. Menabue, G. Santoro (eds.) New Trends in Science and Technology Education: Selected Papers. CLUEB, Bologna, Vol. I, pp. 196-200.

BARBIERI G., BOSI G., MARTINELLI W., 2011 – L’Orto Botanico di Modena e il “Mese della scienza per ragazzi”. Riassunti 21° Congresso ANMS Associazione Nazionale Musei Scientifici, (Padova 9-11 novembre 2011): 88

BARBIERI G., DALLAI D., MOLINARI A., CAVALLINI R., 2008 – Salva con nome: le piante amiche Riassunti 103° congr. Società Botanica Italiana (Reggio Calabria, 17 – 19 settembre 2008): 295.

BARBIERI G., GAMBARELLI A., MARAMALDO R., MENZIANI G., SERVENTI P., TEPEDINO C., 2010 – Biodiversità “da collezione”. Riassunti 20° Congresso ANMS Associazione Nazionale Musei Scientifici, (Ferrara 17-19 novembre 2010): 32

BARBIERI G., TORRI P., 2007 – Il “Gioco del Polline all’Orto Botanico di Modena”. Riassunti 102° congr. Società Botanica Italiana (Palermo, 26-29 Settembre 2007): 247.BARBIERI G., TORRI P., 2008 – Mi dici polline e penso … Riassunti 103° congr. Società Botanica Italiana (Reggio Calabria, 17 – 19 settembre 2008): 210.

BERTACCHINI M., BARBIERI G., 2009 – I Viaggi delle piante raccontati attraverso le carte (Maps tell the journeys of plants). Atti convegno New Trend in Science and Tecnology Education (Modena 21-23 aprile): 12

Bosi G., Barbieri G., Massamba N’SIALA I., Ronconi L., Storci C., Bandini Mazzanti  M., 2004 – Itinerari e Laboratori all’Orto Botanico: 1. Officina Botanica Inverno. Atti Soc.Nat. e Mat. di Modena, 135(2004): 109-119.

BOSI G., BARBIERI G., RONCONI L., DALLAI D., BANDINI MAZZANTI M. – 2006 Percorsi e Laboratori all’Orto Botanico di Modena: oltre vent’anni di storia e nuove proposte. Riassunti 101° congr. Società Botanica Italiana (Caserta, 27-29 Settembre 2006): 188.

Bosi G., Barbieri G., Ronconi L., SERVENTI P., Bandini Mazzanti  M., 2006 – Itinerari e Laboratori all’Orto Botanico: 2. Le piante narrate: tre Itinerari (Storie di piante del Piccolo Popolo – Le piante raccontano – Le Erbe magiche) Atti Soc.Nat. e Mat. di Modena, 136(2005): 53-66.

BULDRINI F., BARBIERI G., GRAZIOSO P., TEPEDINO C., VIOTTI G., 2010 – L’esperienza delle Guide scientifiche alla mostra “Darwin: Modena e 200 anni di evoluzione”. Supplemento Atti Soc.Nat. e Mat. di Modena, 140(2009): 29-36.

GRIMAUDO M.,  Bosi G., Massamba N’SIALA I., Barbieri G., SGARBI E., BARONI FORNASIERO R., Bandini Mazzanti  M., 2006 – Itinerari e Laboratori all’Orto Botanico: 3. Le piante, gli adattamenti e le difese. Atti Soc.Nat. e Mat. di Modena, 137(2006): 57-68.