Orto Botanico dell’Università di PalermoOrto Botanico dell’Università di Palermo

  • Via Lincoln, 2, 90123 Palermo
    tel: +39 09123891236 - fax: +39 09123860868
    email: botanica@unipa.it
    Web: ortobotanico.unipa.it
    Social: www.facebook.com/ortobotanicodipalermo
  • RESPONSABILI
    Direttore: Prof.ssa Cristina Salmeri; tel: +3909123891228; email: cristinamaria.salmeri@unipa.it
    Fruizione pubblica: Cooperativa Cultura botanica (tel. 09123891249; botanica@unipa.it)
    Aspetti tecnici: Dott. M. Speciale (tel. 09123891232; e-mail: speciale@unipa.it)
    Erbario: Dott. G. Domina (tel. 09123891209; e-mail: gdomina@unipa.it)
    Scambio semi: Dott. A. Carratello (tel. 09123891247; botanica@unipa.it)
  • ORARI
    Orario continuato. 1 Maggio - 31 Agosto 9:00 20:00 Settembre e Aprile : 9:00 - 19:00; Ottobre e Marzo: 9:00 - 18:00; Novembre - Febbraio : 9:00 - 17:00
    Chiuso 25 dicembre, 1 gennaio
    Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura.
  • INGRESSO
    Biglietto intero 5.00 €
    Biglietto ridotto 3.00 € : Ragazzi 6-18 anni; Studenti universitari fino ai 25 anni di età in possesso di International Student Card aggiornata, libretto universitario o altro documento comprovante l'iscrizione per l'anno in corso presso istituti di istruzione Adulti d'età superiore ai 65 anni, Scuole elementari, medie e superiori (inclusivo di servizio d'accompagnamento)
    Biglietto ridotto 1 €: Studenti dell’Università di Palermo
    Biglietto familiare 10.00 €: genitori con figli (max. 4 componenti)
    Abbonamenti: mensile 30.00 €, trimestrale 60.00 €, semestrale 90.00 €, annuale 150.00 €
    Biglietto gratuito: Bambini fino a 5 anni; Visitatori disabili muniti di certificazione attestante invalidità superiore al 74%; Accompagnatore del visitatore disabile (in caso di non autosufficienza); Docenti accompagnatori di gruppi scolastici in visita al museo; Guide turistiche e interpreti nell'esercizio della loro professione, previa esibizione del distintivo]
  • BOOKSHOP
  • SUPERFICIE 10 ettari circa
  • VISITE GUIDATE su prenotazione
  • INDEX SEMINUM

Cenni storici

Ginnasio

L’Orto botanico di Palermo è un’istituzione dell’Università degli Studi aperta al pubblico. Esso costituisce la più rilevante struttura didattico-scientifica dell’ex Dipartimento di Scienze Botaniche e rappresenta il nucleo storico attorno al quale la botanica accademica si è sviluppata a partire dal 1795, data in cui fu solennemente inaugurato. La sua origine risale al 1779, anno in cui a Palermo sorse l’Accademia di Regi Studi (corrispondente all’attuale Università) che, istituita la Cattedra di “Botanica e Materia medica”, ottenne di usufruire del vecchio baluardo di Porta Carini e di un’esigua area circostante per insediarvi un piccolo Orto dove coltivare i “semplici”, cioè le piante medicinali utili all’insegnamento. Ben presto questo primo Orto accademico si rivelò insufficiente alle necessità del tempo; così, nel 1786, si decise di trasferirlo in una sede sufficientemente ampia da consentire l’impianto di un orto concepito secondo criteri più moderni di quelli di un modesto giardino dei “semplici”. Fu scelta un’area adiacente alla “Villa Giulia”, da poco impiantata dal Senato palermitano, nel piano di S. Erasmo in località Vigna del Gallo. Il nuovo Orto nacque, quindi, con lo scopo di contribuire allo sviluppo delle Scienze botaniche nell’interesse soprattutto della Medicina e dell’Agricoltura e di dare ulteriore decoro alla Città.

Struttura e organizzazione

Aquarium

La costruzione degli edifici principali, il Gymnasium e i due corpi laterali del Tepidarium e del Calidarium, in stile neoclassico, fu iniziata nel 1789 e terminata nel 1795. Ai lavori, su progetto dell’architetto francese Léon Dufourny, attesero valenti architetti locali quali Pietro Trombetta, Domenico Marabitti e Venanzio Marvuglia. Gli elementi decorativi sono dovuti a diversi artisti: il pittore Giuseppe Velasco affrescò la volta della cupola e del tetrastilo, lo scultore Gaspare Firriolo modellò le statue raffiguranti le quattro stagioni; lo stuccatore Domenico Danè è autore dei bassorilievi che abbelliscono i prospetti del Calidarium e del Tepidarium come anche delle statue di stucco rappresentanti Dioscoride e Teofrasto poste sui pilastri del cancello di ingresso dalla parte della Villa Giulia (in origine era il principale), lo scultore Vitale Puccio scolpì le due sfingi collocate all’attuale ingresso del Ginnasio e realizzò le statue poste al suo interno, tra cui quella di Carlo Linneo, eretta in onore del grande naturalista e sistematico svedese.

Dracaena

Nella sala centrale del Ginnasio si trova ancora la cattedra e il banco su cui il dimostratore esponeva le piante medicinali con gli ausili didattici del tempo, mentre nelle vetrine addossate alle pareti vengono custodite varie raccolte di semi, frutti e materiali vari; in alto, nel tondo centrale della volta la rappresentazione della dea Flora che “miscuit utile dulci” sintetizza le funzioni botanico-farmaceutiche che secoli fa si attribuivano ai moderni orti botanici. L’ala sinistra del Ginnasio era destinata ad abitazione del direttore, mentre quella destra prima occupata dall’Erbario – nel quale si custodivano preziose collezioni di piante essiccate di varia provenienza geografica, raccolte e donate da illustri naturalisti in differenti periodi – oggi ospita l’Erbario e la Biblioteca Greuter donate all’Università di Palermo. Nel 1795, finiti i lavori di costruzione, iniziò un’attività di studi che nel corso dei due secoli successivi hanno avuto come esito anche la diffusione di un gran numero di specie esotiche subtropicali e tropicali sia a Palermo che in Sicilia e perfino in Europa e nel Mediterraneo. Nel tempo l’Orto botanico si è ripetutamente ampliato fino a raggiungere, nel 1892, l’estensione attuale di circa 10 ettari.

Le principali collezioni

Nell’orto

Oggi nel giardino si distinguono due settori principali, corrispondenti rispettivamente alla parte più antica, prossima al Ginnasio, in cui le specie sono disposte secondo il sistema sessuale di Linneo, e alla parte più moderna, prossima all’edificio del Dipartimento cui l’Orto stesso è annesso, che rispecchia invece l’ordinamento sistematico di Engler, il quale tiene conto dei rapporti filogenetici delle varie famiglie botaniche. Molte specie esotiche, di provenienza principalmente sudafricana, australiana e sudamericana, trovano ospitalità nelle collezioni in vaso poste in piena aria e in varie serre, una delle quali fu donata dalla regina Maria Carolina di Borbone, grande sostenitrice dell’Orto. Costruita originariamente in legno e ferro, dopo un incendio fu rifatta in ghisa nella seconda metà dell’800. Poco distante dalla serra ed in fondo al viale centrale, si trova l’Aquarium, un bacino di 24 comparti ottenuti ripartendo radialmente i tre settori concentrici in 8 parti. La vasca, la cui profondità decresce verso il centro, ospita varie specie di ninfee, varie piante palustri e il loto indiano (Nelumbum nucifera).

Papaja

Attorno ad essa, si sviluppa un intricato canneto di varie specie di bambù e dietro, su una collinetta artificiale, vegetano varie succulente dominate da un notevole esemplare di drago delle Canarie (Dracaena draco) in una libera ricostruzione di ambiente esotico subarido. Alla base della collina è ubicato uno specchio d’acqua dove prosperano il papiro egiziano (Cyperus papyrus), Iris pseudoacorus e diverse idrofite tropicali. A breve distanza, si impongono all’attenzione la pianta più alta dell’Orto, un’annosa Araucaria columnaris, e la più grande, il gigantesco esemplare di Ficus macrophylla subsp. columnaris (F. magnolioides) con numerose e grosse radici tabulari ed aeree. Un’altra parte dell’Orto, segnata da un viale di splendide palme quali Washingtonia filifera, W. robusta, Sabal minor, Livistona chinensis e Chamaerops humilis, ospitava fino a qualche anno fa un “Giardino coloniale”, sede di ricerche applicate che hanno consentito l’introduzione e lo studio di varie specie di interesse economico.

Chiesa San Dionisio (XV sec.)

Tra quest’area, il nucleo originario ed il Sistema di Engler – definito “nuovo sistema” – all’estremità orientale dell’Orto, una modesta superficie ospita un boschetto mediterraneo; in continuità, si trovano ricostruzioni di aspetti caratteristici di vegetazione tropicale quali la giungla costituita da Ficus rubiginosa e il giardino delle succulente. Accanto al boschetto si trovano un suggestivo palmeto, in costante incremento di taxa, e il cicadeto, di recente realizzazione, da considerare come il più rappresentativo d’Europa. Rilevanti sono le collezioni scientifiche, alcune delle quali di notevole interesse biologico e applicativo; di esse, oltre alle Palme e alle Cicadee, si ricordano quelle relative alle Moracee (con gli esuberanti Ficus), Mimosacee, Rutacee (importante è la collezione di agrumi), le succulente delle famiglie Euphorbiacee, Aizoacee, Asclepiadacee, Liliacee con le espressive Aloe, Crassulacee e, principalmente Cactacee che sono rappresentate da numerosi generi e specie. Tra le curiosità botaniche vanno ricordate l’albero bottiglia (Chorisia speciosa), noto anche come falso kapok e di cui esiste un suggestivo viale, l’albero del sapone (Sapindus mukorossi), la falsa cannella (Pimenta acris), il caffè (Coffea arabica), il sicomoro (Ficus sycomorus), la sensistiva (Mimosa spegazzinii), la parmentiera (Crescentia alata) ed inoltre la canna da zucchero (Saccharum officinarum), la manioca (Manihot utilissima), la papaia (Carica papaya) e numerose piante da frutto tropicali. All’Orto botanico di Palermo si deve l’introduzione e diffusione nei paesi del Mediterraneo del mandarino (Citrus deliciosa) e del nespolo del Giappone (Eriobotrya japonica) come anche la reintroduzione del cotone (Gossypium sp. pl.) e le prime esperienze europee su piante utili come il ramiè (Bohemeria nivea), l’aleurite (Aleurites moluccana), la soia (Soja hispida) e, recentemente, anche il sorgo zuccherino (Sorghum saccharatum), oltre che su varie piante di interesse agricolo, officinale e decorativo quali Tabebuia ipe, Crinum sp. pl., ecc.

Attività e progetti

Viale Chorisie

Oltre alle collezioni viventi l’Orto possiede anche consistenti raccolte di piante essiccate che si conservano nell’Herbarium Mediterraneum, nel quale sono confluite anche quelle storiche dell’Erbario siculo, attinenti alla flora siciliana, e dell’Erbario generale contenente campioni provenienti da territori extrasiciliani. Si tratta di una struttura in costante evoluzione destinata a raccogliere i campioni provenienti dal Bacino mediterraneo e da altre aree soggette allo stesso clima. Complessivamente essa contiene diverse decine di migliaia di “exsiccata” che costituiscono un cospicuo patrimonio di interesse scientifico e culturale. L’Orto botanico è dotato anche di una ricca biblioteca con migliaia di opere molto pregiate e rare, la più antica delle quali risale al 1537. L’Orto palermitano pubblica annualmente l’Index seminum, un catalogo dei semi di piante sia spontanee della Sicilia che coltivate nell’Orto, disponibili per scambi con istituzioni scientifiche di tutti i continenti. In atto mantiene rapporti con oltre 600 sedi, in massima parte straniere. Progetti per la riorganizzazione dell’Orto e degli Erbari, miranti al miglioramento dell’attività connessa ai suoi compiti istituzionali, oltre che a una più efficace fruizione da parte dei visitatori, sono in corso di realizzazione.

Bibliografia

AA.VV., 1987 – Concorso internazionale di idee Orto Botanico per una più moderna organizzazione funzionale dell’Orto Botanico di Palermo: proposta per un progetto di ampliamento. Centro Studi St. Arte Giard. Palermo, Documenti, 1: 48 pp. BORZI’ A., 1895 – Per l’inaugurazione delle feste del primo Giubileo centennale del R. Orto Botanico di Palermo (12 maggio 1895). Palermo. BORZI’ A., 1897 – Le specie di Ficus viventi a pien’aria nel R. Orto Botanico di Palermo. Boll. R. Orto Bot. Palermo 1 (3-4): 156-161. BURZOTTA P., 1987 – Dall’orto botanico al giardino del mondo. Lotus International 52: 112-127. D’AFRICA G., 1945 – Il R. Istituto-Orto Botanico ed il R. Giardino Coloniale di Palermo. Boll. Stud. Inform. Giard. Colon. Palermo, 18: 79-187. FICI S., 1990 – Il Contributo dell’Orto Botanico di Palermo allo studio tassonomico delle Flore tropicali. Museol. Sci. 7:125-138. FRYXELL. P.A., EARLE SMITH Jr. C., 1972 – The Contribution of Agostino Todaro to the Gossypium nomenclature. Taxon 21 (1): 139-145. GIUFFRIDA R., 1991 - Presentazione. In: Basile G.B.F. Il Ginnasio dell’Orto Botanico di Palermo. Ristampa anastatica. International Inner Wheel Palermo Ed. GOETHE W., 1787 – Viaggio in Italia. LIMA A.I., 1978 – L’Orto Botanico di Palermo. Ed. Flaccovio, Palermo. HADIQA, 1990 – L’Orto Botanico di Palermo. Dharba Ed. Palermo pp. 190. LOJACONO POJERO M., 1911 – Sulla Chorisia speciosa S. Hil. a Palermo. Boll. Soc. Mutuo Soccorso, 9: 13-15. MANGANO G., 1898 – L’ingrandimento del R. Orto Botanico Giardino Colon. Boll. R. Orto Bot. Palermo, 2: 3-19. RAIMONDO F. M., 1988 – The contribution of the Botanical Garden of Palermo to the Somalian Biogeography. Abstracts XXVII Congr. Soc. Ital. Biogeogr., Firenze, 27-29/9/1988. RAIMONDO F. M., MAZZOLA P., 1992 – L’Orto Botanico dell’Università di Palermo. In: Raimondo F. M., Orti Botanici, Giardini Alpini, Arboreti Italiani, pp. 165-196. Edizioni Grifo, Palermo. RAIMONDO F. M., MAZZOLA P., BUFFA M., 1984 – Per una più moderna organizzazione funzionale dell’Orto Botanico di Palermo. Giorn. Bot. Ital., 118 (suppl. 2): 199-200. RAIMONDO F.M., MAZZOLA P., DI MARTINO A., 2009: Guida all’Orto botanico di Palermo. Ed. Arbor, Palermo. SCONZO V., LONGO P. NICITA F., 1990 – I giardini storici di Palermo: Villa Giulia. Italia Nostra (Sez. Palermo). Palermo, pp. 35. TINEO V., 1827 – Catalogus plantarum Horti Regii Panormitani. Panormi. TODARO A., 1856 – Piante vive del Reale Orto Botanico di Palermo disponibili per baratti nell’anno 1857. Palermo. TODARO A., 1876-91 – Hortus botanicus panormitanus. I, II. Palermo. TODARO A., 1877-78 – Relazione sulla coltura dei cotoni in Italia seguita da una monografia del genere Gossypium. Stamperia Reale, Roma.