Orto Botanico delle Alpi Apuane “Pellegrini – Ansaldi”Orto Botanico delle Alpi Apuane “Pellegrini – Ansaldi”

  • Pian della Fioba (MS)
    Tel. +39 346 3915797
    email: aquilegia17@gmail.com
    Pagina web: clicca qui
    Pagina Facebook: clicca qui
    Pagina Tripadvisor: clicca qui
  • RESPONSABILI
    Dott.ssa Paola Lanese Comune di Massa
    Tel: +39 0585490349
    email: paola.lanese@comune.massa.ms.it
  • ORARI
    L'orto è aperto ogni giorno da giugno fino ad inizio settembre e nei weekend di maggio.
    Da metà settembre a fine aprile sono possibili visite guidate la domenica per gruppi di almeno 15 persone al costo di 4€ a persona. Per prenotazioni telefonare al +39 340 9143519 +39 328 6740868 o mandare una mail a scopertapuane@gmail.com.
    In altri giorni sono comunque possibili visite guidate per scolaresche o per gruppi di persone
    NB: Per poter effettuare la visita occorrono scarpe da montagna o con suola ben scolpita
  • INGRESSO
    INTERO:
    RIDOTTO:
    GRATUITO:
  • BOOKSHOP no
  • SUPERFICIE Circa 3 ettari
  • VISITE GUIDATE Le visite guidate vengono svolte da laureati, laureandi o studenti dei corsi di scienze Naturali, Biologiche, Forestali e similari delle tre Università Toscane.
    Per gruppi fino a 10 persone non è necessaria la prenotazione
    PARTENZE VISITE GUIDATE
    MATTINO: 9:00 - 10:00 - 11:00 - 12:00
    POMERIGGIO: 15:00 - 16:00 - 17:00 -18:00
    Sono possibili due percorsi: uno più breve e semplice della durata di circa 30/40 minuti ed uno più lungo della durata di 1h su terreno più impervio e sconsigliato a chi soffre di vertigini
    NB: Per poter effettuare la visita occorrono scarpe da montagna o con suola ben scolpita
  • INDEX SEMINUM http://www.ortobotanicoitalia.it/files/toscana/alpiapuane_indexseminum.pdf

Cenni storici

Istituito il 22 luglio 1966, l’Orto Botanico delle Alpi Apuane venne inizialmente dedicato al medico e botanico Pietro Pellegrini (1867-1957) autore della “Flora della provincia di Apuania”. Nel 2016, in occasione del 50° anniversario della sua fondazione, l’Orto viene cointestato a Maria Ansaldi, botanica dell’Università di Pisa, già curatrice dell’Orto e profonda conoscitrice e amante delle Alpi Apuane. 

L’orto è situato a Pian della Fioba, una amena località a 900 m s.l.m. che si trova lungo la strada panoramica che collega Massa con la Garfagnana.

Struttura e organizzazione

L'aula multimediale

L’aula multimediale

L’Orto, di proprietà del Comune di Massa, è gestito in collaborazione tra il Comune stesso e l’Associazione Aquilegia Natura e Paesaggio Apuano ONLUS

E’ stato recentemente oggetto una serie di interventi di valorizzazione, che sono stati progettati e realizzati in collaborazione col Parco regionale delle Alpi Apuane.

Una consistente parte delle opere realizzate ha mirato all’improcrastinabile soluzione di problemi fortemente condizionanti l’attività dell’Orto stesso, quali l’approvvigionamento idrico e la possibilità di utilizzare in maniera opportuna il rifugio-laboratorio, che oggi si presenta accogliente e dotato di una funzionale aula didattica multimediale. In essa i visitatori, aiutati dalle guide, trovano strumenti informatici e apparecchiature che consentono l’osservazione di campioni come lo stereomicroscopio; è inoltre possibile seguire la proiezione di materiali audio-video a carattere didattico, scientifico e divulgativo.

Lungo il percorso didattico

Lungo il percorso didattico

Fra le strumentazioni scientifiche attualmente in dotazione c’è una stazione meteorologica automatizzata inserita nella rete di rilevamento della Regione Toscana; i valori di temperatura, umidità dell’aria e precipitazione vengono registrati e trasmessi attraverso la rete radio della Regione Toscana.

Il nuovo logo dell'Orto botanicoLa fruibilità dell’Orto botanico è stata migliorata rendendo più visibile e accogliente la zona di ingresso e realizzando un percorso facilitato, corredato da numerosi pannelli didattici, che conduce al rifugio-laboratorio. Il progetto ha prodotto una versione rinnovata del logo dell’Orto, da sempre rappresentato da una pianta simbolo, Globularia incanescens.

 

Globularia incanescens, simbolo dell'Orto botanico

Globularia incanescens, simbolo dell’Orto botanico

L’Orto botanico si presenta ancora oggi coerente alla filosofia che ne ha visto l’istituzione, con un aspetto in gran parte naturale, ma con una veste rinnovata e con una buona dotazione di attrezzature necessarie ad accogliere i numerosi visitatori e a soddisfare i loro interessi, offrendo risposte stimolanti alla loro curiosità.

 

Le principali collezioni

La copertura vegetale dell’ Orto Botanico “Pellegrini-Ansaldi” è in gran parte spontanea; le specie più interessanti della flora apuana vi crescono infatti spontaneamente.

L’Orto comprende una coltura sperimentale di piante d’alto fusto, per lo più conifere, messe a dimora con l’istituzione dell’Orto stesso, che attualmente vengono via via diradate. Si tratta in prevalenza di pino nero d’Austria (Pinus nigra subsp. nigra), pino strobo (Pinus strobus), pino marittimo (Pinus pinaster), abete bianco (Abies alba), cedro dell’Atlante (Cedrus atlantica), cipresso di Lawson (Chamaecyparis lawsoniana), duglasia (Pseudotsuga menziesii), ontano napoletano (Alnus cordata), e acero di monte (Acer pseudoplatanus).

Il substrato dell’Orto botanico è costituito in piccola parte da scisti porfirici (Permiano – Paleozioco) di natura silicea, e per il rimanente da “grezzoni” (Triassico – Mesozoico) di natura calcarea.
La parte dell’Orto costituita da scisti porfirici ospita numerose piante acidofile, che sulle Apuane sono spesso presenti nei boschi di castagno (Castanea sativa), come il cisto (Cistus salvifolius), l’erica arborea (Erica arborea), ed altre (Teucrium scorodonia, Digitalis lutea, Phyteuma orbiculare).
La maggiore estensione dell’Orto Botanico è costituita da dolomia; qui sono presenti il carpino nero (Ostrya carpinifolia), il cerro (Quercus cerris), l’orniello (Fraxinus ornus) ed i sorbi (Sorbus aria, S. aucuparia).
Nelle ampie radure sono presenti arbusti come la lantana (Viburnum lantana), il pero corvino (Amelanchier ovalis) e la coronilla (Coronilla emerus).
Sulle rocce calcaree affioranti, o nelle radure, vivono diverse specie endemiche; di queste molte sono esclusive delle Alpi Apuane (Salix crataegifolia, Santolina leucantha, Polygala carueliana), altre delle Apuane e dell’Appennino Lucchese (Thesium sommieri, Buphthalmum salicifolium subsp. flexile, Carex macrostachys, Moltkia suffruticosa, Rhamnus glaucophyllus, Globularia incanescens, Leontodon anomalus); altre ancora sono presenti su gran parte della catena appenninica (Scabiosa holosericea, Centaurea ambigua subsp. ambigua, Orchis pauciflora) e sulle montagne del bacino del Mediterraneo (Astragalus purpureus subsp. gremlii, Hypericum coris, Helianthemum oelandicum subsp. italicum).

All’interno dell’Orto Botanico è stato allestito un laghetto con lo scopo di ospitare alcune specie vegetali presenti nelle poche zone umide d’altitudine delle Alpi Apuane (Alchemilla xanthochlora, Carex sp. pl., Dactylorhiza maculata, Eleocharis palustris, Eriophorum latifolium, Galium palustre, Mentha aquatica, Myosotis sp. pl., Veratrum album subsp. lobelianum). Al suo interno trovano rifugio anche anfbi e rettili quali il Tritone alpestre apuano (Ichthyosaurus alpestris apuana) e la Natrice dal collare (Natrix natrix).
In una ristretta zona dell’Orto Botanico, con esposizione a Nord, vive il mirtillo (Vaccinium myrtillus), che rappresenta un tipo di vegetazione presente sui più elevati rilievi di natura silicea delle Alpi Apuane: la brughiera a mirtilli, nella quale vivono anche diverse specie alpine.
Sono inoltre presenti alcune specie fungine (Macrolepiota procera, Cantharellus cibarius, Boletus granulatus, Russula virescens).

Attività e progetti

L’Orto botanico ha aderito ai progetti KeyToNature e Dryades per la produzione di chiavi interattive di identificazione. Recentemente è stata messa a punto la Guida ai licheni epifiti dell’Orto Botanico delle Alpi Apuane a cura di Pier Luigi Nimis, Stefano Martellos e Maria Ansaldi (Foto di AA.VV. dall’archivio di ITALIC).

Per la conservazione del germoplasma l’Orto botanico “Pellegrini-Ansaldi” collabora con la banca semi dell’Orto botanico di Pisa (Dipartimento di Biologia dell’Università).

Bibliografia

ANSALDI M. (1990) – Orto Botanico di Pian della Fioba. Comunicazione alla riunione scientifica del gruppo di lavoro per gli Orti Botanici della S.B.I., “I giardini botanici dell’Appennino” Abetone, 6-7 luglio 1990. Quaderni dell’Orto Botanico Forestale di Abetone, n° 1. A cura della Comunità Montana “Appennino Pistoiese”, pp. 13-15, 1992.
ANSALDI M., GUAZZI E., PUCCINI R. (2008) – L’Orto botanico “Pietro Pellegrini”. Un giardino alpino nel Parco Regionale delle Alpi Apuane. Parco Regionale delle Alpi Apuane. Tipografia Mori. Massa. 80 pp.
ANSALDI M., VERGANI V. (1992) – Orto Botanico delle Alpi Apuane “Pietro Pellegrini”. In: “Guida agli Orti Botanici della Toscana”, Regione Toscana, pp. 63-69.
BERNINI A., PIAGGI E. (1997) – 37 Giardini Botanici delle Alpi e degli Appennini – 70 escursioni floristiche consigliate. 176 pp., Pavia.
MARCHETTI D., MONTI G., UZZO E. (1979) – Guida dell’Orto Botanico delle Alpi Apuane “Pietro Pellegrini”. Pacini Ed., Pisa.
MONTI G. (1992) – Il Giardino Botanico “P. Pellegrini” in: RAIMONDO F.M. (ed.): Orti Botanici, Giardini Alpini, Arboreti Italiani, Palermo, 437-442.